martedì 2 luglio 2013

Puccia con olive

"sempre, comunque,
inevitabilmente 
con me!"


"...La puccia, vizio inguaribile dei salentini. Nella puccia, l'aroma lo danno le olive nere, le stesse usate per l'olio, forti e asprigne. I turisti inavvertiti lasciano spesso in Salento qualche dente come ricordo. Non sanno che nella puccia l'oliva resta con il nocciolo, altrimenti perderebbe parte del suo sapore, forte e concentrato. La puccia va mangiata lentamente, a piccolissimi bocconi..."

Ingredienti
   550 gr semola rimacinata di grano duro, 125 gr lievito madre ( ho usato 35 gr di lievito madre secco) un cucchiaio di sale grosso sciolto in acqua tiepida, 125 gr olive saracine, olio extravergine di oliva, acqua.

Preparazione
   Su una madia, unite farina, lievito madre, olio e
lavorare la pasta aggiungendo acqua tiepida di volta
in volta. La pasta deve essere lavorata a lungo sino a
prendere una consistenza elastica. Lasciare a riposare
l'impasto sotto un panno di lana ( io sistemo la pasta in
un recipiente coperto con pellicola, in un  posto caldo)
Dopo circa un'ora lavorate nuovamente la pasta, unendo
le olive. Lasciare riposare ancora per mezz'ora. Sulla
madia spolverata di farina, posare la pasta lievitata.
Preparare panetti da 150-200 gr l'uno e sistemarli su
una teglia protetta da carta forno. Il forno già caldo deve
essere in grado di raggiungere i 250 gradi per 15 minuti."
tratto da
Wine Sound System


vino 
N. Zero Negroamaro IGT Salento
Cantine Menhir 






con questo pane partecipo a Panissimo
evento creato da Barbara e Sandra  e ospitato questo
mese da Sandra


20 commenti:

  1. che bravaaaaaaaa!!! le adoro, le faccio sempre!!

    RispondiElimina
  2. non li conoscevo.. però sembrano proprio buoni!!

    RispondiElimina
  3. Chiarè.. che boni con le olive nere!!!!! smackkk

    RispondiElimina
  4. Oltre a farti i complimenti per la foto, debbo farti i complimenti per la scelta della ricetta. La puccia rappresenta tanto per me.. mia mamma è leccese! :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. che buone! la merenda perfetta in spiaggia :-)

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che delizia! :)
    Non le ho mai assaggiate, sai? Però scommetto che sono una vera delizia...! Da provare!!!
    Un abbraccio,
    Incoronata.

    RispondiElimina
  7. Sai che non li conoscevo proprio? Grazie tesoro ^_^

    RispondiElimina
  8. Che caratteristica è questa ricetta. Io non sapevo neanche della sua esistenza. . Grazie di avermeli fatta conoscere. Complimenti un abbraccio a presto.

    RispondiElimina
  9. Eeehm meno male che mi hai avvertita! Quest'anno vado in vacanza nel Salento e non vedo l'ora di assaggiare tutte le specialità del luogo ^_^
    smackkk

    RispondiElimina
  10. te lo ricordi vero che io con il pane ci vado a nozze?
    li mandi a panissimo?
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
  11. mmm che voglia di assaggiarle! io sarei stata una di quelle che ci avrebbe lasciato il dente! :-D

    RispondiElimina
  12. Che sublime ricordo la puccia del Salento...e poi ha un nome che ho sempre trovato delizioso, ti riempie la bocca solo a pronunciarlo!

    RispondiElimina
  13. Sei preparata!!!
    Quando veniamo, pucce a pranzo ;-)

    Grazie amica mia, ti adoro!!!

    RispondiElimina
  14. irresistibili, speciale e che risultato... grazie per le info sulla puccia.. è sempre piacevole apprendere qualche chicca regionale...
    un abbraccio Chiara:**

    RispondiElimina
  15. grazieeeee tesorissime!!!!
    vi abbraccio forte!!

    RispondiElimina
  16. Buongiorno..mi complimento per l'esecuzione e per lo splendido corredo fotografico, ho fatto una ricerca google di questa ricetta e mi è apparsa la tua. Così ho scoperto un nuovo mondo, veramente un applauso per i sentimenti e l'estro che metti in questo bellissimo blog!potresti se possibile dirmi che macchina fotografica e modello hai usato per queste foto?
    giulia toscanaccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore giulia!!!
      non sai che gioia leggere le tue parole! sono felice ti piaccia qst angolino :)
      la macchina è una Sony Alpha DSLR-A100
      a presto!

      Elimina
  17. io non ho fatto nulla, solo reagito entusiasta al tuo di entusiasmo, un riflesso che nasce da un tuo sentire le cose in modo speciale..e contagi chi è sulla tua lunghezza d'onda, dico davvero. Grazie prima di tutto ancora per questo angolo di paradiso del cuore e per avermi risposto. GRAZIE:) ci vediamo prestissimo, buona vita!
    giulia toscanaccia

    RispondiElimina
  18. grazie a te giulia!!!!
    cerco di guardare ogni volta come se fosse la prima volta, per non perdere quella magia che si nasconde in ogni piccolo momento...sono felice di sapere che riesca ad arrivare :)
    buona vita!!!! :)

    RispondiElimina