giovedì 16 aprile 2015

Castiglione del Lago...e la festa del tulipano





Castiglione del Lago è in festa
migliaia i tulipani, intenso e avvolgente il profumo per le vie del borgo
ogni angolo è rallegrato dal colore dei fiori...per le vie, nelle piazzette è tutto un susseguirsi di spettacoli: bande musicali, spettacoli folkloristici, sfide da contrade, giochi tradizionali in costume d'epoca...
il castello regala un'indimenticabile passeggiata sulle sue possenti mura, la vista da lassù è stupenda
....ai piedi del castello, un prato dove indugiare, all'ombra degli ulivi, dopo aver assaporato nelle taverne i piatti tipici...e proprio dal prato ha inizio la tanto attesa sfilata dei carri allegorici completamente ricoperti di tulipani.....
....è primavera e qui la si festeggia :)



15-19 aprile 2015
Castiglione del Lago














verso sera 
il lago dorato 
e si torna a viaggiare...




dove mangiare
. taverne di quartiere
. Enoteca Umbria Terra e Sole
   Via Vittorio Emanuele, 25

libri 
Il signore del lago - Venerio Cattani
Il cappotto azzurro - Mario Cardinali
La signora del lago - Raymond Chandler
Rosso Istanbul - Ferzan Ozpetk
Il linguaggio segreto dei fiori





per continuare a viaggiare

Lago Trasimeno




Isola Maggiore



















lunedì 13 aprile 2015

leggendo



"Princeton, d'estate, non aveva odore, e anche se a Ifemelu piacevano la verde tranquillità dei tanti alberi, le strade pulite e i palazzi imponenti, i negozi un filo troppo cari e la quieta, persistente aria di meritata grazia, era proprio questo, l'assenza di odore, ad attirarla di più, forse perché le altre città americane che conosceva bene avevano tutte un odore ben distinto. Philadenphia aveva l'aroma muffito della storia. New Haven sapeva d abbandono. Baltimora puzzava di salamoia e Brooklyn d'immondizia scaldata dal sole. Ma Princeton non aveva odore...."
Americanah - Chimamanda Ngozi Adichie









mercoledì 1 aprile 2015

Hanami....a Pedaso



Hanami
....ammirare i fiori....
in questo periodo, da centinaia di anni, in Giappone si celebra la fioritura dei ciliegi
feste, escursioni, passeggiate, picnic.....nell'incanto dei ciliegi in fiore....

.......sulla verde collina di Pedaso, nel parco naturale della Conte dei Ciliegi, un angolo di oriente aspetta chiunque voglia sognare lasciandosi cullare dalla poesia di primavera ed avvolgere dalla bellezza dei sakura in fiore.... e quando, tra fragili fiori, dalla delicata bellezza, apparirà un tradizionale kimono...sembrerà quasi di essere nel paese del sol levante


tè e dolci tipici giapponesi
panchine per indugiare tra giochi di luci e ombre
petali leggeri che volteggiano nell'aria
sentieri
aquiloni volano nell'aria
pic nic
origami, mostre, laboratori, massaggi, pittura estemporanea tra i ciliegi, esibizioni.....
per una giornata da trascorrere immersi nella natura, sulla collina del "Monte Serrone" da cui bellissima sarà la vista sulla costa e sul faro









e sempre nel bellissimo parco della contea, inondato dalla luce e circondato dagli ulivi
modellato sul famoso labirinto della cattedrale di Chartres 
il labirinto degli ulivi
per un viaggio interiore in cui provare a ritrovare se stessi.....





festa dei ciliegi in fiore
6 aprile 2015
Pedaso - Via dei Piceni, 14 
Parco Contea dei ciliegi



libri
La storia di Genji
Il padiglione d'oro
Sotto la foresta di ciliegi in fiore
Autostop con Buddha




sabato 28 marzo 2015



Salento

  "...Ne ho visti di ulivi strani in vita mia, ma quelli di queste parti hanno forme fuori da qualsiasi logica progettuale, come se la natura li avesse affidati a un artista strambo che con le sue sculture vuole imprimere solo stupore.
 Gli ulivi sembrano l'istantanea di un movimento convulsivo. Alberi autolesionisti che si squarciano il ventre per creare caverne in cui vivono animali, insetti e folletti dai cappelli rossi. Alberi che annodano i proprio rami per ingannare le simmetrie, e che anche quando il vento è assente e sono immobili appaiono fluidi e impetuosi come dervisci roteanti. Gli ulivi di queste brulle e arse pianure posano come divi esibizionisti che ostentano le proprie forme sicuri di essere unici....."
tratto da  Salento fuoco e fumo - Nandu Popu 





venerdì 20 marzo 2015

biscotti di mandorla






in un groviglio di pensieri
nel cielo azzurro
nell'incanto dei mandorli in fiore.....








Biscotti di mandorla

Ingredienti
250 gr zucchero
500 gr mandorle 
3 albumi
1 limone succo e buccia
frutta candita
chicchi di caffè
mandorle


Tritare le mandorle insieme allo zucchero.
Montare gli albumi a neve ben ferma aggiungendo il succo di limone
incorporare poco alla volta lo zucchero, le mandorle tritare e la buccia di limone.
Riempire la sac a poche con il composto ottenuto e distribuirlo sulla lastra rivestita di carta forno.
Decorare i biscotti con chicchi di caffè, mandorle e frutta candita.
Cuocere in forno a 160/180° per circa 10': Sfornare e far raffreddare su griglia

deliziosi per accompagnare un caffè






lunedì 16 marzo 2015

leggendo



"....Insomma, disse tra sé e sé, c'è un abisso fra il giovane uomo che vedo qui e il guerriero di domani. Si sa che l'essere umano è complesso, molteplice, diviso, sorprendente, ma servono guerre o grandi rivolgimenti per poterlo osservare. E' lo spettacolo più appassionante e più terribile, pensò ancora; il più terribile perché è il più vero: non si può essere certi di conoscere il mare senza averlo visto nella tempesta così come nella bonaccia...."    
Suite francese - Irène Némirovsky




mercoledì 4 marzo 2015

#sensomieiviaggi : i profumi dei miei viaggi

profumi....e si aprono mondi.....il mondo dei sensi, dei ricordi, delle emozioni
i profumi hanno una tale potenza evocativa che alla minima percezione di quel particolare profumo 
sembra di essere ancora lì....in quel luogo, in quel momento, in quel viaggio.....

come quando nell'aria sento il profumo del tè alla menta...il profumo dell'accoglienza, della cordialità marocchina che in ogni occasione offrono in segno di benvenuto, stima e amicizia 
che sia a casa, in hotel, al ristorante, al mercato o nei negozi per addolcire le trattative sul prezzo, nelle soste di interminabili viaggi in pullman, prima di pranzo, dopo cena, nel pomeriggio....
dopo la visita al jardin majorelle, dalla terrazza di un bar sulla piazza Jemaa el Fna, in una tenda tuareg nel deserto, in casa di amici.....ci si ritrova tutti insieme intorno a grandi vassoi zeppi di bicchierini di vetro e dall'alto di panciute teiere scende l'ambrata bevanda.....un fumante tè alla menta servito caldissimo, dal sapore al tempo stesso delicato, forte, dolce, sapore che sembra raccontare tutto il carattere di questo splendido popolo e dal profumo intenso e indimenticabile 

Marocco

come quando il profumo del cacao mi riporta in Brasile, sulle calde coste dello Stato di Bahia dove l'aria profuma di dolce....nel clima caldo umido ci si inoltra in fitte foreste di giganteschi alberi per scoprire i segreti dell'amato frutto e nelle fazendas ci si perde in racconti che sembra esser tra le pagine del celebre Jorge Amado


Brasile - Stato di Bahia

e poi un profumo dolce che sa di buono, di canzoni e di favole....il profumo delle fragole 
nel bel mezzo del Parco Nazionale dello Stelvio, in Val Martello, la valle delle fragole
che quando passi di lì in macchina con i finestrini abbassati, in bici, a piedi.....quel dolce profumo che riempie l'aria....non lo puoi più dimenticare! e mentre si va per boschi e sentieri alla scoperta di laghi trasparenti, malghe, alte vette e borghi  ti guardi intorno e illuminati dal sole interi campi verdi pieni di fragole e....quel profumo non potrà non invitare a fermarsi per una sosta golosa

Italia - Alto Adige - Val Martello


per Norma






libri
Cacao - Jorge Amado
Viaggio e profumi - Gianni De Martino Luigi Cristiano
Viaggio sentimentale tra i profumi del mondo - Jean Claude Ellena
il tè nel deserto - Paul Browles
Marocco, romanzo - Tahar Ben Jelloun
Ultimo tè a Marrakech - Toni Maraini



viaggi