mercoledì 14 dicembre 2011

Strauben




deliziosissime frittelle!!!
che si possono assaporare in occasione di feste, sagre, mercatini in Trentino Alto Adige!
ogni volta che torno in montagna vado in cerca di strauben


sono così buone
che non potevamo aspettare il prossimo viaggetto per assaporarle e così 
 abbiamo provato a farle a casa...con
. il libro Ricette delle Dolomiti
. Sa e il suo fornelletto
il fornelletto e Sa 
mi sembra proprio una bella accoppiata!!
per evitare che in casa si diffonda l'odore del fritto
e per evitare che io mi metta davanti ad una pentola con dell'olio bollente
( non mi piace proprio friggere!!!)

prepariamo la pastella
ce ne andiamo in balcone, Sa al fornello e...
 inizia la festa!!

Strauben
200 gr farina, 250 ml latte, 2 uova
2 cucchiai di burro, 1 cucchiaio di grappa o acquavite,
olio di semi di arachide ( o strutto secondo la ricetta più antica), sale
Per completare: zucchero a velo, marmellata di mirtilli rossi.

In una ciotola capiente mescolate nel latte tiepido la grappa
( o l'acquavite), la farina, il burro ammorbidito e spezzettato
e un pizzico di sale.
Aggiungete quindi i tuorli e lasciate riposare la pastella per
alcuni minuti. Incorporate in seguito gli albumi montati
a neve ferma.
Scaldate in una padella abbondante olio di semi di arachide
e lasciatevi colare la pastella attraverso un imbuto ( esiste
anche un apposito strumento che si chiama Straubentrichter)
con un movimento rotatorio dal centro verso l'esterno, in modo da
creare una lunga spirale ( il verbo "strauben" significa appunto "arricciare")
Quando la frittella è ben dorata da un lato, giratela in modo che
si dori anche dall'altro. Lo Strauben si gusta cosparso di
zucchero a velo accompagnato da confettura di mirtilli rossi.
tratto dal libro
Monti Pallidi
Ricette delle Dolomiti
raccolte in masi, malghe, castelli, stube e osterie





i primi strauben sono pronti!

e via con altre frittelle!!!


una spolverata di zucchero a velo e sentirete che deliziaaa!!!

e per i più golosi...confettura di mirtilli rossi

18 commenti:

  1. Wowww che chef!!!! m'è venuta voglia di assaggiarli.. sembrano buoni! smackkk :-)

    RispondiElimina
  2. Gli devo assolutamente provare.Vado matta per le frittelle e queste riccioline non le conoscevo!

    RispondiElimina
  3. li voglio assaggiare! porta sa e il fornelletto, e noi due ce ne stiamo accomodate sul divano ...ecco come passare il pomeriggio!

    RispondiElimina
  4. Sembrano buonissimi! Sono stata tante volte in Trentino ma ero piccola e non ricordo se li ho assaggiati, peccato.

    RispondiElimina
  5. Hai capito tu, il mago Sà ai fornelli? Meraviglie delle meraviglie e............dolcezze a non finire.
    Un abbraccio a tutti e due.

    RispondiElimina
  6. wow...davvero interessante... chissà che bontà!!

    RispondiElimina
  7. li ho visti fare in tv che buoni devono essere.

    RispondiElimina
  8. deve essere divino!!!! assolutamente divino!!!! Baci

    RispondiElimina
  9. oh ..grazie per questa bella ricetta
    ciao

    RispondiElimina
  10. Booooni gli strauben!Per me con marmellata di mirtilli rossi, of course ;) Smack

    RispondiElimina
  11. Mamma mia che delizia! Ma siete stati bravissimi! Complimenti!

    RispondiElimina
  12. ah ah! in balcone, bell'idea!
    li mangiavo spesso in montagna d'estate, buonissimi!!!

    RispondiElimina
  13. Belli vi aspetto in Lucania, ho un bellissimo piazzale dove Sa può esercitare l'arte del friggitore... VI ASPETTO!!
    Baci!!

    RispondiElimina
  14. mamma mia che bontà, adoro le frittelle, quando andiamo in montagna d'estate quando fanno la festa in paese fanno queste mitiche frittelle e io ovviamente non posso non prenderle! le adoro! aspetto il vostro fornelletto da campo qui a casa nostra!!!!!! bacioni a tutti Angela

    RispondiElimina
  15. grazie grazie grazieeee a tuttiii!!

    RispondiElimina
  16. Caspita! Hanno un aspetto magnifico!

    Buon Natale, tanta salute e tanta tranquillità interiore a tutti.

    Cris

    RispondiElimina