mercoledì 30 gennaio 2013

Focaccia di cicorie



avete qualche pensiero ribelle da far tornare al suo posto? qualche timido pensiero che aspetta quel pizzico di coraggio in più? volete far chiarezza in quel groviglio di pensieri?
questa ricetta potrebbe essere perfetta: si inizia procurandosi le verdure...una bella passeggiata in un campo, ai ritmi lenti e con l'arte antica di riconoscere le erbe di campo
( per maggiori info guardate qui)...all'aria aperta tutto apparirà più chiaro
e se proprio non avete tempo o campi a disposizione farete un giro al mercato ( al mercato di Piazza Vittorio a Roma, come consiglia il libro food sound system) o un salto dal fruttivendolo, non avete tempo neppure per far questo? chiamate il fruttivendolo e fatevi portare un pò di verdure pronte per esser cucinate
Tornerete a casa, se già nn ci siete, e con una musica in sottofondo inizierete a preparare le verdure per poi passare alla pasta...lavorando bene acqua e farina vedrete come tutti i pensieri sembreranno lontani...
mentre l'impasto riposa passerete alla fase "controlla le tue emozioni" ovvero come tagliare stè benedette cipolle senza piangere!
...le verdure con cipolle, olio e peperoncino saltano in padella...capperi e olive arricchiscono il profumo che si diffonde
quando tutto è in forno, aprirete una bottiglia di vino e con un buon calice controllerete
se tutto è in ordine nei vostri pensieri...




"...tempo.
Datevelo, concedetevelo.
Le cotture per prendere gusto hanno bisogno della
pazienza del fuoco a fiamma bassa.
...Farina, sale, olio. Li unisco finché non saranno grumi
dorati. Aggiungo acqua tiepida, lavoro l'impasto; il
movimento è costante, lungo. La pasta da ruvida e
scomposta, diverrà morbida e compatta.
Il companatico è elementi di terra...la cicoriella...coltivata
perde l'amarodel sole, perde la rugosità, non ha da
proteggersi dal vento...la cipolla è proporzionale all'amaro
della cicoria, addolcisce e armonizza i gusti forti...
Come in Kind of Blue di Miles Davis, dietro un corpo
semplice c'è un'anima complessa, la focaccia ha gusti
nascosti. Dunque li svelo.  ...cappero...la componente
agrodolce del piatto è sua responsabilità...
le olive nere, che rilanciano l'acre della cicoria.
Il matrimonio dei sapori è opera ardita ma sublime,
l'olio è sacerdote pagano, unisce e dà vita...
...Nel tempo che si è fermato, col fuoco che arde,
ascolto The Cinematic Orchestra..."


Focaccia di cicorie
    Ingredienti
    per la sfoglia ( per una lastra di circa 30 cm diam.): 300 gr farina 00, una tazzina da caffè colma di olio, un cucchiaino di sale.
    per il ripieno: 3 cipolle, 1 kg di cicorie ( o altre verdure di stagione), 3 cucchiaini di capperi,
20 olive nere snocciolate, ( 3 pomodorini, quando sarà stagione) sale, peperoncino, olio.

La sfoglia: mescolare la farina con sale e olio, si aggiunge gradualmente acqua tiepida e si lavora fino ad ottenere una pasta soda e compatta, si lascia riposare mezz'ora.
Il ripieno: si soffriggono dolcemente le cipolle tagliate molto sottili e il peperoncino. A metà
cottura si aggiunge la cicoria ( già sbollentata e tagliata grossolanamente). Dopo una decina di minuti di cottura a fiamma media, si uniscono ( pomodori), capperi, e olive e si lascia cuocere fino a che il ripieno non sia ben cotto e privo di acqua di vegetazione.
Si divide l'impasto in due pezzi, si stende la prima sfoglia, si sistema nella lastra unta con un filo di olio e si versa il ripieno. Si copre con la seconda sfoglia, si chiude bene il bordo. La superficie andrà unta e bucherellata.
In forno già caldo a 200°C. per circa mezz'ora o comunque fino a doratura.
brano e ricetta tratti dal libro



Musica
The Cinematic Orchestra

libri 
 food sound system
30 ricette del Mediterraneo
annaffiate di buon vino e buona musica


rugni, speragne e crispigne
piante spontanee negli usi e nella tradizione del territorio maceratese

Risorse e Cibo
dalla Terra delle Armonie 





18 commenti:

  1. Ti dirò' che il tuo post e' molto rilassante e questa focaccia e' super!

    RispondiElimina
  2. Ma che bello questo tuo post... ti seguo sempre con grande piacere.Serena

    RispondiElimina
  3. Meraviglioso, amica mia. Tutto quanto.. le parole che hai usato, l'amore che trasmetti.. la musica stessa che pare traspirare dalle tue righe e dalle fotografie delle tue creazioni! <3 Complimenti, mi servirebbe davvero preparare questa focaccia così 'speciale'. Per l'umore e per il palato! un abbraccione stella! Te ne ruberei subito un fettino... :P

    RispondiElimina
  4. Buongiorno amica!!!
    Che meraviglia 'sto libro,dovrei procurarlo x questo periodo!!!
    Si prova tutto x scacciare via brutti pensieri.
    La,focaccia è deliziosa. Fa molto inverno ;-)

    Ti bacio

    RispondiElimina
  5. Buonissima idea e soprattutto consigli! il trio proposto (riflessione, vino e focaccia) ci sembra ideale per ridarsi la carica e riflettere!
    La focaccia poi ci piace per la sfoglia molto friabile e sottile!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. lo SLOW di questi giorni ci accomuna (tu una superba focaccia slow... e io con dei grissini slow) ... strano il destino

    RispondiElimina
  7. Ottimaaa sarà anche croccantina!!! .-) baci buona giornata

    RispondiElimina
  8. felicidades por la receta y por el blog, esta genial, asi que con tu permiso me quedo mirando cosas ricas por aqui, saludossss

    RispondiElimina
  9. Bellissimo e significativo il passo che hai trascritto.. è vero, ogni tanto dobbiamo prenderci del tempo per noi, per stare all'aria aperta magari e passeggiare! Per fortuna ho scoperto vicino casa mia un'azienda agricola fornitissima e con ottimi prodotti :-)
    Ottima questa focaccia! baciii

    RispondiElimina
  10. trovare "una" che ascolta the cinematic orchestra? ti ho già messo nei blog che NON posso NON leggere tutti i giorni!
    bellissima la focaccia di cicorie, io sono una appassionata del pane!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e trovare te che ascolti musica meravigliosa!!! ci leggeremo sempre :)
      baciiii

      Elimina
  11. assolutamente sfiziosa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  12. ciao Chiara... ma l'hai scritto per me questo post? senti, mi insegni a raccogliere le erbe nei campi? organizziamo un'uscita di raccolta sul confine?
    eppoi eppoi.... sai che ho comprato un libro di cucina marchigiana?! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena sembra che in qst giorni scriviamo l'una per l'altra ;)
      per la raccolta delle erbe, sono ancora allieva :( ma per la bella stagione spero di aver raggiunto una conoscenza maggiore
      dai organizziamo!!! sarebbe bellissima una raccolta sul confine
      un libro di cucina marchigiana :) sono curiosa!!!!

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina