giovedì 20 novembre 2014

purè di fave, cicoria di campo e olio nuovo





e alla fine si è raccolto!
e non è andata poi così male
e c'era il sole e i colori caldi dell'autunno e i fiori di cicoria e il profumo di lavanda su un cielo azzurro e fili d'erba e pagine di libri e parole e sorrisi
e verso sera, un cerchio intorno al fuoco...olio nuovo, vino, castagne....e storie, musica e poesia...








e c'era un libro da sfogliare e una ricetta da provare

tratto da 
LA PARMIGIANA E LA RIVOLUZIONE 
Elogio della frittura e altre pratiche militanti
 Donpasta

"...E' andato via cantando, Uccio Aloisi, in assoluto la voce più importante della tradizione salentina. 
Colui che resistette all'oblio del canto popolare in quel ciclo stupido chiamato modernità...
Uccio era dell'epoca in cui ogni cosa aveva un senso in sé. 
Cantare per la festa, per il raccolto, per l'amore, per le tarantate.
Si cantava per raccogliere il tabacco, per convincere il cavallo ad arare la terra,
per festeggiare l'arrivo del primo vino o per non morire di stanchezza e lavoro.
...
...conosceva la regola della musica. Fa star bene la gente...
In lotta contro una cultura così intenta a cancellare il pensiero della gente di campagna.
...
Paladino del pensiero popolare, in una modernità assoggettata sino in fondo al re, al
nobile. La modernità non tollera paganesimi, La modernità è teocratica. 
Impone.
Ma un cantastorie è un rivoltoso che ha per armi passato e futuro.
Per salvare una tradizione ci vuole un passaggio di consegne a staffettisti coraggiosi...
...
In questo omaggio a Uccio su inchiostro stampato, propongo
purè di fave con cicorie 
per tutti. Il purè di fave come le sue armonie, il bel canto, il
sapore forte della cicoria selvatica è lo sbattere del tamburello e l'acre di un 
canto di sud. L'olio extravergine scombina i sapori come gli equilibri e li riordina
su un grado più alto, sono  le sue parole, di terra, fatica e orgoglio...

Ingredienti
1/2 kg fave secche
1 patata
1 cipolla
1 kg cicoriella selvatica 

Preparazione
E' una ricetta semplicissima, ma la sua bontà risiede nella qualità degli ingredienti
e nella cottura a fiamma lenta...Le fave bagnate per qualche ora ( io per tutta la notte)
si mettono in una pentola preferibilmente di creta, con una cipolla e una patata sbucciata
Si coprono d'acqua e si fanno cuocere a fuoco dolcissimo, fino a quando non siano 
completamente sfatte. Si mescolano vigorosamente con un cucchiaio di legno ( o frusta
elettrica) sino ad ottenere una crema densa. Si regolano di sale e si servono calde con 
cicorie selvatiche lesse e condite con abbondante olio di oliva extravergine ( le ho ripassate qualche minuto in pentola con olio e peperoncino) ..."





e per una meravigliosa versione di questa ricetta guardate qui!




libri
Se chiudo gli occhi
La parmigiana e la rivoluzione
Olio d'Oliva
Liscio come l'olio


per raccogliere erbe di campo guardare qui

ricette
Puccia con olive
Erbe e patate

22 commenti:

  1. Il canto, il semplice canto l'abbiamo dimenticato e come ci fa stare bene liberarlo e farlo volare leggero. Tempo fa cantavo in un coro e la sensazione di sentire vibrare la propria voce ed essere avvolto nello stesso istante da quelle degli altri era indescrivibile. Ora che ho letto quello che hai scritto cercherò di ritrovare un piccolo spazio per cantare, anche da sola. Mi piacciono le tue parole e come hai raccontato questa bellissima esperienza del raccolto delle olive in un'atmosfera di comunione fra la natura e le persone. Grazie e ancora grazie (anche per il rimando alla ricetta) perché qui ci si sente a casa. Un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì riprendi a cantare, è gioia per l'anima!
      grazie a te Stefania!!! baciiii

      Elimina
  2. Che giornata meravigliosa, mentre leggevo mi immaginavo i colori, la musica, le risate...Sai che avrei voluto essere lì con te...ti abbraccio cara amica, è sempre bello leggerti e sentirti vicina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sai come avrei voluto averti qui con me!
      ti abbraccio forte carissima amica, grazie <3

      Elimina
  3. Che esperienza bellissima... *____* anche a me piacerebbe tanto viverla.. Non hai solo raccolto molte cose buona ma anche un sacco di bei ricordi!
    Bellissimo post!
    A presto... Dream Teller ^^

    RispondiElimina
  4. Comfort food per eccellenza. Una fetta di pane (più di una a dire il vero), olio buono e questo purè con la mia adorata cicoria selvatica. Non riesco ad immaginare niente di più buono in questo momento.
    Buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vi pensavo proprio il giorno prima del vs messaggio :)
      i piatti semplici, i sapori genuini sono i più buoni!
      vi abbraccio

      Elimina
  5. Che giornata splendida hai passato al sole condividendo questo momento in compagnia e dopo la fatica il meritato riposo con l'olio nuovo buon vino e castagne..... E poi le tue foto che parlano da sole :-) un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dopo la fatica sembra tutto ancora più buono!
      grazie Ilaria, sei un tesoro!!!
      bacio

      Elimina
  6. Foto spettacolari!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Laura!!!
      e detto da te è un onore!

      Elimina
  7. Adoro i post che parlano di natura ^-^ e che belle foto :)

    RispondiElimina
  8. Che foto Chiaretta, non mi stancherò mai di riperterlo, hai un dono, mettilo a frutto ;-) oppure lo fai già di mestiere? ^_^
    Una giornata meravigliosa, una gioia da condividere, ti ringrazio perché hai regalato un po' di quei colori e profumi che hai vissuto anche a noi!
    baciii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaretta grazieeeee :)
      le foto per me sono terapia, passione....il mondo da dietro la macchina mi fa meno paura e sopratutto è il modo di comunicare che in questo periodo mi riesce meglio...
      grazie a te per esserci sempre!
      tanti baci

      Elimina
  9. Un pizzico di benevola invidia, guardando le tue foto che mi fanno sognare un mondo che amo e tu sai quanto. Un abbraccio caldo e un grosso bacio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella sei così cara :)
      ti abbraccio forte!!!!

      Elimina
  10. è un piatto da poesia il pure di face con la cicoria e 'olio d'oliva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sì! e sopratutto la poesia è negli occhi e nel cuore di chi legge e osserva...
      grazie!!

      Elimina
  11. Ciao Chiara, prima di tutto grazie che sei passata e mi hai lasciato dei commenti bellissimi; poi: che belle foto,( devo ancora imparare bene a postare le foto e immagini) che bel posto, buona questa ricetta, che brava sei!!!
    Un abbraccio forte...Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen
      grazie a te che mi segui sempre, dai pian piano prenderai mano con il blog anche se mi sembra che va tutto benissimo!!
      ti abbraccio

      Elimina